giovedì 19 agosto 2010

PLATINETTE * «SOGNO DI FARE L'ASSESSORE ALLA CULTURA A PARMA»

Sono il trait d’union fra Renata Tebaldi e Lady Gaga: figurarsi se non posso occuparmi di intrattenimento in municipio!» Mentre lo dice, sudando una in più delle classiche sette camicie per le vie di una Parma nei confronti della quale ostenta sfacciata confidenza, Mauro Coruzzi realizza il suo sogno: assessore (alla cultura) per un giorno. Lasciata nell’armadio l’ingombrante mise di Platinette, l’alter ego televisivo, si accorge così di avere almeno una cosa in Comune (nel senso di sede municipale) con la drag queen più famosa d’Italia: lo stesso giovane sindaco, che ha voglia di collaborare. «Intendiamoci, noi un assessore alla cultura l’abbiamo già, ed è molto bravo» dice il primo cittadino, Pietro Vignali, alla guida di una lista civica di centrodestra «però credo che i consigli di Mauro potrebbero essere utili a una città che vive giustamente aggrappata alle proprie storiche vocazioni, ma che su questo fronte può fare ancora molto».
«E pensare che alle elezioni avevo appoggiato la lista concorrente a quella di Vignali…» continua Coruzzi. «Non farei mai politica a livello nazionale, anche se sono stato corteggiato per molto tempo dai radicali, più insistenti di Facebook. Del resto ho avuto la loro tessera per vent’anni. L’unica cosa che potrei fare è l’assessore, ma a livello locale». Detto, fatto. Ma com’è Parma? «Un po’ snob, a volte. Piena di biciclette che costano più dei fuoristrada. Ci chiamano “la piccola Parigi”, e anche molte espressioni dialettali sono mutuate dal francese. Eppure non abbiamo il coraggio di crederci davvero. Se lo siamo, perché non trasformiamo una volta l’anno Viale Martiri della Libertà, lo Stradone, i nostri Champs Elysées, in una sfarzosa Pigalle in miniatura, con qualcosa che somigli al Moulin Rouge? Tra le altre cose che ho in mente, c’è la finale di un grande torneo di bocce da giocarsi nei corridoi del Palazzo della Pilotta (il nome deriva da pelota), restituito così alle origini, ai tempi di quella pazza di Maria Luigia d’Austria». E lo snodo cruciale della musica? «Lirica a parte» dice Coruzzi «anche qui siamo convinti che basti un festival jazz d’estate, con strumentisti chiamati da ogni minuscola isola caraibica, per accontentare tutti. Non è così. Gli appuntamenti andrebbero ripensati. E il Teatro Regio, fiore all’occhiello, non può morire solo sotto il peso di ricche signore imparruccate. Fuori dalla città, tanta gente non gode di questa bellezza: sono molto proletario in senso sovietico, in questo. La cultura alta va contaminata, sennò muore. Vedrei bene anche qualche talento adatto uscito da “Amici”, su questo palco».
Pronto a debuttare come opinionista leggero («Non so ancora se nei panni di Platinette, ormai sento sempre più spesso il bisogno di svestirmi») nella prossima edizione di «Mattino 5», Coruzzi ha un altro sogno nel cassetto: «Dal momento che Parma ha visto nascere sia le sorelle Fontana, gente che ha vestito Liz Taylor e Audrey Hepburn, che Matteo Cambi, un ragazzotto geniale che si è inventato una margherita a sei petali, l’ha piazzata su una maglietta, e alla fine vendeva anche l’acqua minerale con quel marchio da 150 milioni di fatturato, accarezzo l’idea di una mostra dedicata alla nostra moda. Certo, Cambi ha fatto una fine diversa rispetto alle sorelle Fontana, ma è proprio questo il punto: riflettere su quelle immagini, quel percorso, ci aiuterebbe anche a capire l’evoluzione della nostra società».

(TV SORRISI E CANZONI - AGOSTO 2010)

Nessun commento:

Video da non perdere

Loading...

Post più popolari

Lettori