martedì 26 agosto 2014

METEO * PERCHE' LE PREVISIONI DEL TEMPO SBAGLIANO? «COLPA DEI FENOMENI ESTREMI»

Perché le previsioni del tempo sbagliano ormai con una frequenza impressionante? Premettendo che tutto il meteo di cui fruiamo in Italia viene da elaborazioni tratte dai modelli (e quindi dalle elaborazioni algoritmiche) di un unico consorzio europeo, che le rilascia ogni 12 ore, per poi essere lette e interpretate da siti e meteorologi vari su un binario già ampiamente tracciato, bisogna essere a conoscenza di un’altra cosa. Le previsioni a 24 ore sono ritenute attendibili attorno al 95%, nei due giorni successivi l’attendibilità si riduce drasticamente, e arriva sotto al 50% fra il quarto e il quinto giorno. Le previsioni oltre il settimo giorno, dicono gli esperti, sono praticamente carta straccia. «Chi le fornisce fa qualcosa di scorretto» dice Paolo Sottocorona, meteorologo di La7.
Ma perché il meteo spesso non ci azzecca, per dirla con Di Pietro, neppure con un solo giorno di preavviso? «Perché» continua «con l’innalzamento di un paio di gradi della temperatura globale, sono aumentati a dismisura sia in termini di frequenza che di intensità, i cosiddetti fenomeni estremi, ovvero troppo caldo, freddo, piogge o tempeste improvvise. E questi eventi non sono assolutamente prevedibili. La mia sensazione è che i modelli non siano stati ancora modificati implementando queste variabili impazzite, peraltro difficili da fissare».
«Quanto alle ipotesi di richieste di danni ai meteorologi che ogni tanto si sentono da parte degli operatori» dice Sottocorona «sono assurde. Anzitutto perché gli operatori turistici non sono i committenti delle previsioni, ma dei fruitori, come tutti. Sarebbe come chiedere un’auto in prestito a un amico, l’auto si guasta facendoci perdere un affare, e per questo intentare causa per danni all’amico. Non ci sono le basi giuridiche. E poi come dimostri il danno? Non è che questi cali di presenze sono dovuti piuttosto alla crisi, alle aziende e alle fabbriche che chiudono? Non vedo l’ora che qualcuno mi faccia una causa di questo tipo. Farei una contro azione legale per danni all’immagine al lavoro di una vita, e sono sicuro che mi metterei a posto per la pensione».

Nessun commento:

Video da non perdere

Loading...

Post più popolari

Lettori