venerdì 10 marzo 2017

IL CASO FORCHIONE E LA BRUTTA DERIVA DEL MONDO DEL LAVORO IN ITALIA

La vicenda di Antonio Forchione, l'operaio di Torino che dopo 27 anni di lavoro in un'azienda e il trapianto di fegato viene messo alla porta e poi reintegrato in pochi giorni perché denuncia i fatti ricorrendo ai media, è sintomatica di quanto sia messo male il mondo del lavoro in questo Paese. Di quanto alcuni pilastri fondamentali, come quelli sindacali, abbiano ceduto. Di come rispetto e gratitudine non esistano più. Un segnale che mi arriva forte anche da molte persone che conosco direttamente. Si è passati dall'Italia dell'eccessivo garantismo aziendale (malato), a quest'altra dove è permesso tutto. Ma proprio tutto, senza fare una piega. E chi è dentro, complice la crisi, il tengo famiglia, e l'assenza di coraggio (che «Se uno non ce l'ha, non se lo può dare», per dirla col Don Abbondio di Manzoni), ha una paura fottuta di farsi sentire. Mala tempora.

Nessun commento:

Video da non perdere

Loading...

Post più popolari

Lettori