giovedì 28 dicembre 2017

AL MIO PAESE IL PRESEPE È DIFFERENTE

Un presepe post-moderno.
L'Oltrepò Pavese, notoriamente, è una terra dalle grandi tradizioni in fatto di presepi. Quello di San Gregorio Armeno, per esempio, ci fa un baffo.
Questa mattina al paesello ho fotografato questo, che ha accenti postmoderni.
Abbiamo a destra il grande asinello (ma, mi dicono, potrebbe essere una capretta) al neon che fa pendant non con il bue (banale e forse momentaneamente non disponibile) ma con una renna sempre al neon e provvista di slitta. Per fondere Natale cristiano e laico, pur in assenza di Santa Claus. Dietro la renna, collocata su un'apparente rampa di lancio in pvc, piattine e cavi elettrici esposti alla pioggia, per aumentare l'effetto suspense. Al centro, il Redentore guarda in basso verso il cantiere aperto e a braccia spalancate sembra dire: "Gesù, ma si può lavorare così?".

Nessun commento:

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Post più popolari

Lettori