martedì 9 aprile 2019

BARBARA "CONDUCO TUTTO" D'URSO CONTAMINA IL «GRANDE FRATELLO» (E I RISULTATI ARRIVANO)

«Polvere di stelle» - Barbara D'Urso ne fa una giusta. Forse.
Come rilevavo twittando ieri sera, Barbara D'Urso ha fatto una cosa televisivamente (autoralmente) intelligente. Per spezzare la noia mortale dei kick-off televisivi, una fra le piaghe del millennio, ha contaminato il suo «Grande Fratello» Nip innestando al debutto una serie di polemichette acchiappa-titolo e audience figlie dei suoi salotti pomeridiani e dello stesso «Live - Non è la D'Urso», che ne è l'apoteosi.
L'operazione di alterazione, sul piano degli ascolti, ha pagato abbastanza: 3.405.000 spettatori con il 19,34% di share. Tre punti in meno rispetto allo scorso anno, ma 'di 'sti tempi, signora mia, tutto grasso che cola per una Mediaset che fatica a mettere assieme risultati.

Come faccia la stakanovista Carmelita a sopravvivere (si parla di tenuta fisica, avendo in carico quattro programmi) portando avanti praticamente il grosso dei palinsesti di Canale 5, resta un biologico mistero. Ma pare che la nostra si ricarichi solo restando in video, appagata dalle luci made in Barbara.

L'operazione fatta sul GF è esteticamente (eticamente) bella? No. D'altra parte qui nun se sta a guardà ar capello. Mercoledì scorso è andato in onda un Morgan che ha bestemmiato sottovoce in prima serata, e ieri sera una concorrente, tale Valentina Vignali ha detto, testualmente: «Ma la gggènte, io nun zò, je scureggia er cervello...». Quindi siamo dalle parti dell'ormai tutto è permesso.
L'operazione invece è scaltra? Sì, perché riutilizza il macinato, le frattaglie trash che danno linfa ai pollai di barbarella, e trasforma il reality in un polpettone più saporito.
Quanto possa durare tutto questo, non è dato saperlo. Il cast, però, fatto da gente del sottobosco dello spettacolo, potrebbe funzionare.

Post più popolari

Lettori