mercoledì 17 febbraio 2010

SANREMO, LE PAGELLE * IL MIGLIORE? CRISTICCHI. I PEGGIORI? PUPO E SOCI

IRENE GRANDI (“La cometa di Halley”) = Smagrita, vagamente dark, deve avere litigato col truccatore, che le ha lasciato gli occhi pesti. Eppure il pezzo c'è, parole e musica. Voto: 7.


VALERIO SCANU (“Per tutte le volte che“) = L'amico di Maria ha il testo che merita: adolescenziale, parole in libertà. Sembra scritto dal figlio di Federico Moccia: e scusa se ti chiamo canzone. Purtroppo non si stacca dall'ordinario. Voto: 5/6.


TOTO CUTUGNO (“Aeroplani”) = Brano pulito, classicamente sanremese, il romantico brodo primordiale nel quale Toto sguazza da anni. Voto 6.


ARISA (“Malamorenò”) = In tutta “Sincerità”, era meglio prima. Rosalba Pippa punta ancora sull'orecchiabilità, con qualche accenno inusuale per svecchiare. Ma non bastano le nuove sorelle Bandiera (ora Marinetti) a far primavera. Voto: 6/7.


NINO D'ANGELO (“Jammo Jà”) = Prendete un napoletano e dategli una canzone (più che onesta, come questa), e vi solleverà il mondo. Un bel ritorno per Nino, che canta con una monumentale madonna nera. Tale Maria Nazionale. Esportazione morbida? Voto: 7.

MARCO MENGONI (“Credimi ancora“) = Un po' Piero Pelù, un po' Farinelli, arriva con un buon pezzo, che sfrutta l'indubbia duttilità vocale del vincitore di “X-Factor”. Voto: 7.5

SIMONE CRISTICCHI (“Meno male”) = E' l'impegno di questa 60' edizione del Festival. Satira piuttosto spietata sul gossip dilagante e il vuoto a perdere della società dello spettacolo. Buona canzone (farà strada) fra il rap e il proclama, ottimamente arrangiata e dal ritornello che non si dimentica. Comprensibile che Carla Bruni se la sia data a gambe, anche se non era lei il vero bersaglio. Voto: 8.


MALIKA AYANE (“Ricomincio da qui”) = Ma era meglio ricominciare da un altro brano, possibilmente meno piatto. L'adenoidale della canzone italiana stavolta (non) ha colpito ancora. Aridatece la Vanoni. Voto: 5/6.

PUPO-EMANUELE FILIBERTO-LUCA CANONICI (“Italia amore mio”) = Ma com'è che Pupo ogni anno riesce a estrarre magicamente dal cilindro un'agghiacciante cazzata da proporre al Festival? Questa, peraltro, riesce a essere peggio del solito, in una virtuosa associazione a delinquere col principino Savoia (che farebbe meglio a cantare solo sotto la doccia) e un tenore sinora non pervenuto. Retorica e luoghi comuni come se piovesse. Mino Reitano, proteggili da lassù. Voto: Non Classificabile.

ENRICO RUGGERI (“La notte delle fate”) = Le donne da sempre sono il chiodo fisso del vecchio rouge, all'Ariston con un pezzo discreto. Ogni tanto ci riprova, ma di certo non è più quello degli anni d'oro. Voto: 6/7.

SONOHRA (“Baby”) = Un po' di voce c'è, la canzoncina rockeggiante pure. Che cosa si può chiedere di più agli emo-derivati? Voto: 6.5.

POVIA (“La verità”) = E' decisamente meno peggio del previsto l'omaggio (chiamiamolo così per essere buoni) di Giuseppe, il cronista della canzonetta, alla povera Eluana Englaro. Il testo riesce miracolosamente a evitare tanta retorica, e il sound è potente. Insopportabili invece le furbe mossette da mimo de noantri. Voto: 7.5.

IRENE FORNACIARI E I NOMADI (“Il mondo piange”) = Bella voce ma il pezzo non sa di niente, neppure di Zucchero. “Vorrei capire perché il mondo piange”, canta ossessivamente Irene. Semplice: perché ha ascoltato la canzone. Voto: 5.

NOEMI (“Per tutta la vita”) = Da una voce così, ci si aspetta molto, molto di più di una cosetta che passa inosservata come la conduzione. Voto: 6.


FABRIZIO MORO (“Non è una canzone”) = Anche lui gioca, come sempre, la carta dell'impegno. Stavolta esorcizza l'incomunicabilità e il chiudersi nel guscio del nostro vivere dissociato, in un rap modificato geneticamente. Ci può stare. Voto: 6/7.

4 commenti:

Eleonora ha detto...

Concordo con la tua classifica... tranne che per Povia... è più forte di me... non è proprio il mio genere e lui è un po' paraculo. Cristicchi, invece, ha capito tutto e lo comunica alla grande. Ciao Franchino!

FRANCO BAGNASCO ha detto...

sì, è paraculissimo, ma secondo me il pezzo c'era. o era molto meno indegno del previsto.
ciaoooo

Giuseppe Gano Ganelli ha detto...

gi migliori:
-Cristicchi
-Irene Grandi
-RUGGERI......che se ascolti bene è un pezzo molto forte ;)
(..le preferite del Rouge sono Cristicchi e Irene G.)

FRANCO BAGNASCO ha detto...

ma tu sei di parte!!
e poi guarda caso i tuoi preferiti sono i preferiti di rouge.
dai, un minimo di indipendenza di giudizio...
il pezzo è discreto, niente di più. certo il testo è superiore ad altri in gara, ma musicalmente è fragile e già sentito.

Video da non perdere

Loading...

Post più popolari

Lettori